Come scegliere il miglior allestimento per un convegno: #2 allestimento ad aula

Secondo appuntamento della rubrica dedicata agli allestimenti per convegni. Se ti fossi perso il primo articolo, lo puoi leggere qui.

Oggi parlo dell’allestimento ad aula (in inglese classroom): l’allestimento standard di questo tipo prevede una sedia e un tavolo per ogni partecipante, allineati in file. E’ consigliato per meeting lunghi, come incontri di formazione, sessioni di breakout e conferenze in cui i partecipanti devono prendere appunti o utilizzare il proprio computer.
L’allestimento ad aula favorisce il passaggio di competenze da un relatori ai partecipanti.

Classroom Style_Allestimento ad aula_Stefania Sarga Blog

Ecco alcuni linee guida da seguire:

-la prima fila deve essere posta a non meno di 1,8 metri dal bordo anteriore del palco o a una distanza pari a due volte la lunghezza verticale dello schermo;
-i tavolini non devono essere inferiori a 46 centimetri di ampiezza. Evitare quelli da 38 perché non hanno sufficiente spazio per acqua, bicchiere e blocchi appunti;
-molti tavoli hanno una profondità tra 2,8 e 2,4 metri. Meglio informarsi su quali sono le misure dei tavoli disponibili nella venue prima di definire come allestire la sala;
-prevedere almeno 0,6 centimetri di spazio per persona (esempio, 3 persone in 1,8 metri). Se i partecipanti devono usare laptop, aumentare lo spazio per ciascuno di essi a 0,8 / 0,9 metri.

I parametri per i corridoi sono simili a quelli delle sale a teatro (per approfondimenti, leggi il mio precedente articolo). Controllare, comunque, i regolamenti di sicurezza locali.

Segnalo solamente due note negative di questo allestimento, che ritengo indispensabili sapere: a causa della presenza dei tavoli per ogni persona, la capacità della sala si riduce. Inoltre, i partecipanti hanno più difficoltà a interagire, proprio perché non hanno modo di guardarsi l’uno con l’altro, aspetto invece facilitato da altri tipi di allestimenti. La soluzione sarebbe quella di posizionare i tavoli e le sedie “ad anfiteatro”, proprio come l’immagine sotto.

Classroom style_Blog Stefania Sarga

Leggi qui l’articolo precedente della rubrica dedicata agli allestimenti.

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi